Archivio

Archivio Marzo 2007

Dopo tutto

15 Marzo 2007 2 commenti

Dopo aver letto di esigenze forbite dalla fantomatica scrittura creativa, come se, nel vivere la vita e favellare le sue peripezie, il percorso venga tracciato su linee continue di un manuale, dove il sorpasso immaginifico è vietato.
Dopo aver constatato i voleri delle persone, esigenti, dalla mia persona, iracondia, gelosia e tutto il resto del ciarpame che immondo insudicia lo spirito.
Dopo aver crinato lo schermo del portatile ed averne adottato un secondo.
Dopo aver rifiutato di bere aria e parole, ma affogare nel miasma degli eco mentali.

Dopo aver profetizzato con indulgenza i mali della mia testa, ho scoperto che il mio cazzo non ha più parole da prodigare fino alla sua morte.

Attendo il suo caduco beneficio
.
.
.
.

Video importato

YouTube Video

Maria sulla croce[..]

5 Marzo 2007 3 commenti

[..] di rose e spine di torno il cuore.
Cristo a terra, ginocchioni commuove e impetra al respiro della resurrezione, madore prostrazione di sangue. Infonde la grazia al respiro baciato con parole languenti dalla bocca.
L?angelo, il caduto del cielo, avulso dalle sue ali, non t?aveva promesso glorie di paradiso né blandizie commoventi; tuttavia nel seme che postulava non v?era ragion di credere che la puerpera rifulgesse di immacolata sensazione per quindici mesi.
Ricordi questo?, mentre, ora, appesa a tre sospiri di croce, ne comprendi il segno racchiuso in un segreto sì doloroso da bearsene.
Di grazia Giovan Battista t?offre salvifico il viatico: un involucro di spugne acqua, vino in una scatola di cielo.

Che pena che fa quel Cristo; di dosso la stizza scrolla come fradicio usa il cane che guaisce alla sua manca. Del verbo ma predicato, ?Questa è la mia verità!?, è il grido del crucifige: strazia lo spirito con verità non più vere, di parole mai dette.
.
.
.
.

Video importato

YouTube Video

Ascolta

1 Marzo 2007 1 commento

Aspetta!, ascolta l’ermesino del suono[..]
.
.
.
Questo disagio nuovo, disillude le mani che incarnano levità manca di realtà.
Realtà fiera e sincera.

Involucro di trepida attesa, che sogno stizzisce con gli sguardi di agosto; sgusciano fra i morsi delle serrande ammiccando purpurei nastri di cassio, nella fantasia che al meriggio tende doni e speranze. Vellutati e soffici i nastri aleggiano, si sporgono dall?ombreggiare fino a porsi nodi alle caviglie, sulle ginocchia infra gli odori del collo.
Zelante è la religiosità cui pongo nel rubare agli aurei effluvii; ne sovrasto la licenziosità, sopra la pelle nuda della tua schiena, salmodiando sospiri ed aneliti sulle carezza della nuca che mi solletica il naso.. trattengo lo starnuto, tu ridi; fingi disappunto, mentre le dita, colte in una febbrile impazienza, cercano attraverso la coltre del cuscino, diafana, l?appiglio ad una realtà di questa fuitina trasognata promessa.

Trasecola il pianto di cera, mai spento dall?onda del desiderio che non trova porto sulle banchine delle mie lenzuola. [..]la chiglia gorgoglia mesta saudade, intona il canto e recita lo sciabordio preda della passione.

Mare-destino, marea senza luna!

Video importato

YouTube Video